Il prezzo del Bitcoin non è così guidato dalle notizie come il pensiero precedente, lo studio trova

Nonostante il bitcoin (BTC) abbia una reputazione di oscillazione selvaggia dei prezzi, gli investitori non dovrebbero necessariamente preoccuparsi troppo delle potenziali cattive notizie che lo circondano, suggeriscono i risultati di un nuovo studio sulla volatilità dei prezzi del bitcoin.

Lo studio è entrato nel dettaglio dell’impatto

Lo studio è entrato nel dettaglio dell’impatto di vari shock sul mercato del Bitcoin negli ultimi dieci anni (2010-2020) ed ha esaminato le dinamiche di volatilità asimmetrica dei prezzi del Bitcoin Rush in condizioni di rottura strutturale.

Le „rotture strutturali“ sono cambiamenti inaspettati nel tempo che possono portare a errori di previsione, mentre il fenomeno della volatilità asimmetrica (AVP) è la tendenza osservata della volatilità dei mercati azionari ad essere più elevata nei mercati in calo che in quelli in crescita.

Lo studio ha rilevato che le conseguenze degli shock sul mercato sono state generalmente meno gravi del previsto e che il mercato tende a tornare rapidamente alla normalità dopo un colpo. Inoltre, dice che altri studi hanno „sovrastimato l’impatto delle notizie sulla volatilità per aver inavvertitamente ignorato queste rotture strutturali della volatilità Bitcoin“.

Inoltre, il rapporto sostiene che gli shock

Inoltre, il rapporto sostiene che gli shock del prezzo del bitcoin „si estinguono più rapidamente“ di quanto si sia pensato in generale, suggerendo che le notizie – siano esse buone o cattive – potrebbero non essere un fattore così importante per il prezzo del bitcoin come molti hanno pensato. I ricercatori hanno scoperto che l’impatto della notizia sulla volatilità non è così forte se le interruzioni strutturali sono incorporate in un modello di tipo GARCH, che viene utilizzato dalle istituzioni finanziarie per stimare la volatilità dei rendimenti di azioni, obbligazioni e indici di mercato.

Tuttavia, il rapporto non ha esaminato l’impatto delle notizie sul prezzo dell’etereum (ETH) o di altri beni digitali.

Nel frattempo, come riportato in precedenza, la società di crittoanalisi Santiment ritiene che „la crittovaluta è guidata dal sentimento“. Hanno scoperto che c’è una relazione tra i tassi a cui il coronavirus viene discusso sui canali dei social media come Telegram, Reddit, Pro Traders Chat e Discordia, e il prezzo del bitcoin.

È anche interessante notare che certi tipi di notizie che circolano all’interno della Criptosfera sembrano avere un’influenza positiva sul prezzo del bene digitale di cui si tratta. Questo è forse particolarmente visibile quando i progetti vengono quotati o entrano in qualsiasi tipo di partnership con importanti scambi, come Coinbase e Binance – anche se l’aumento del prezzo è spesso temporaneo.

Tuttavia, la potenza di queste notizie è così grande che a volte basta anche solo un annuncio che un progetto viene preso in considerazione per la quotazione in borsa per gonfiarne il prezzo.